PAGAMENTI P.A. E COMPENSAZIONI: I LIMITI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Contribuenti indebitati per cartelle di pagamento: limiti a compensazioni e pagamenti da parte della P.A.

Contribuenti indebitati per cartelle di pagamento

LIMITI AI PAGAMENTI DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LIMITI ALLE COMPENSAZIONI FRA TRIBUTI DIFFERENTI

DISTRIBUTORI AUTOMATICI

Trasmissione telematica dei corrispettivi

Nota Agenzia Entrate del 14 febbraio 2018

Abbiamo dato conto nel corso del 2017 delle disposizioni e delle scadenze previste per il nuovo obbligo di invio telematico dei corrispettivi percepiti mediante distributori automatici (cfr. nostre informative del 25 gennaio, del 5 aprile e del 6 aprile 2017). Attualmente anche i distributori che erano privi di porta di comunicazione, per i quali era stato disposto l’obbligo di censimento dal 1° settembre 2017 (propedeutico alla memorizzazione e trasmissione dei corrispettivi dal 1° gennaio 2018), devono essere utilizzati secondo quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate.

In particolare, oltre agli obblighi di conservazione dei dati, tutti i distributori automatici che rientrano nella definizione di legge sono tenuti alla memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. L’Agenzia delle Entrate ha recentemente aggiornato il proprio sito istituzionale, pubblicando una serie di risposte a quesiti (anche di natura tecnica) degli operatori.

Riteniamo opportuno ricordare, in particolare, quanto risulta da nota pubblicata il 14 febbraio 2018, a proposito delle tempistiche di trasmissione.

La trasmissione dei dati giornalieri deve avvenire ogni volta che il gestore o un suo incaricato prelevano il denaro dal distributore automatico. La scadenza pertanto non è fissa, ma variabile in funzione del momento del prelievo. STUDIO POLLASTRINI 2

Tuttavia l’Agenzia delle Entrate ha precisato che ogni invio non può comunque essere successivo, rispetto al precedente, di sessanta giorni. Tale precisazione è abbastanza inequivocabile: “l’Agenzia si aspetta almeno un invio ogni 60 giorni” (testuali parole). Ipotizziamo che un gestore abbia trasmesso i corrispettivi (in quanto percepiti) il 10 gennaio, e poi non effettui più prelievi fino ad aprile. In ogni caso, entro il sessantesimo giorno successivo (11 marzo) sarà necessario effettuare la trasmissione telematica.

Si rinnova l’invito, soprattutto per chi utilizzi ancora dispositivi non in linea con gli obblighi di memorizzazione e trasmissione, a rivolgersi ai produttori/rivenditori/manutentori dei distributori automatici, anch’essi tenuti ad una serie di obblighi per consentire agli utilizzatori il rispetto della normativa in oggetto. Lo Studio rinnova la propria disponibilità, sotto il profilo fiscale, per qualsiasi chiarimento o approfondimento. Ricordiamo che dovranno esserci tempestivamente forniti tutti i dati necessari per l’inserimento in contabilità dei corrispettivi incassati.

Coloro che sono interessati, possono richiedere l’invio del documento pubblicato dall’Agenzia delle Entrate, con le risposte ai vari questi posti dagli operatori.

Vincenzo Pollastrini

Dottore commercialista

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Prenota una consulenza

Studio Pollastrini dal 1992 offre assistenza e consulenza in ambito tributario, aziendale, societario e del lavoro.