CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO Filiera del wedding, intrattenimento, organizzazione di feste e cerimonie, Horeca

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Vincenzo Pollastrini

Art.1-ter, D.L. n.73/2021

D.M. 30 dicembre 2021

Provvedimento Agenzia delle Entrate n.197396 dell’8 giugno 2022

Approvato il modello di domanda, da presentare entro il 23 giugno 2022

Si consiglia di verificare i codici ATECO ammessi, dal momento che la casistica comprende non soltanto l’attività di wedding in senso stretto, ma un insieme abbastanza ampio di operatori della filiera

La lista comprende ad esempio la produzione di pasticceria fresca, la sartoria, il commercio al dettaglio di confezioni per adulti, di fiori e piante, la ristorazione, il settore alberghiero, parrucchieri, istituti di bellezza, ristorazione, bar e caffè, ecc.

In alcuni casi tuttavia occorre dimostrare che l’ammontare dei ricavi relativi al 2019 sia generato, in misura almeno pari al 30%, da prodotti o servizi inerenti a matrimoni, feste e cerimonie

Tra le varie condizioni, occorre una riduzione dei ricavi 2020 non inferiore al 30% rispetto ai ricavi 2019, e, contemporaneamente, un peggioramento del risultato economico di esercizio 2020 pari ad almeno il 30% rispetto al risultato economico di esercizio 2019

QUALI SONO LE ATTIVITA’ POTENZIALMENTE DESTINATARIE DEL CONTRIBUTO

A – SETTORE DEL WEDDING, ovvero una delle seguenti attività, a condizione che l’ammontare dei ricavi relativi al 2019 sia generato, in misura almeno pari al 30%, da prodotti o servizi inerenti a matrimoni, feste e cerimonie.

10.71.20 Produzione di pasticceria fresca

10.82.00 Produzione di cacao, cioccolato, caramelle e confetterie

14.13.20 Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno

18.14.00 Legatoria e servizi connessi

32.99.90 Fabbricazione di altri articoli nca

47.24.20 Commercio al dettaglio di torte, dolciumi, confetteria

47.71.10 Commercio al dettaglio di confezioni per adulti

47.76.10 Commercio al dettaglio di fiori e piante

47.78.35 Commercio al dettaglio di bomboniere

49.32.20 Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente

55.10.00 Alberghi

56.10.11 Ristorazione con somministrazione

56.10.12 Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole

56.21.00 Catering per eventi, banqueting

74.20.11 Fotoreporter

74.20.19 Altre attività di riprese fotografiche

74.20.20 Laboratori fotografici per lo sviluppo e la stampa

93.29.90 Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca

96.02.01 Servizi dei saloni di barbiere e parrucchiere

96.02.02 Servizi degli istituti di bellezza

96.09.03 Agenzie matrimoniali e di incontro

96.09.05 Organizzazione di feste e cerimonie

B – SETTORE INTRATTENIMENTO, ORGANIZZAZIONE DI FESTE E CERIMONIE, senza bisogno di dimostrare una percentuale minima di ricavi 2019 generato da prodotti o servizi inerenti a matrimoni, feste e cerimonie.

77.39.94 Noleggio strutture e attrezzature per manifestazioni e spettacoli

79.90.11 Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento

90.01.01 Attività nel campo della recitazione

90.01.09 Altre rappresentazioni artistiche

90.02.01 Noleggio con operatore di strutture e attrezzature

90.02.01 Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli

90.02.02 Attività nel campo della regia

90.02.09 Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche

90.04.00 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche

93.21.00 Parchi di divertimento e parchi tematici

93.29.10 Discoteche, sale da ballo, night club e simili

93.29.90 Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca

96.09.05 Organizzazione feste e cerimonie

C – SETTORE HOTELLERIE-RESTAURANT-CATERING (HO.RE.CA.), senza bisogno di dimostrare una percentuale minima di ricavi 2019 generato da prodotti o servizi inerenti a matrimoni, feste e cerimonie.

55.10 Hotellerie

56.10 Restaurant

56.21 Catering

56.30 Bar caffè

Alla data di presentazione della domanda, occorre l’effettiva operatività in uno dei settori indicati (A, B, C), quale attività prevalente (ciò deve risultare inoltre dalla comunicazione all’Agenzia delle entrate con modello AA7/AA9).

LE CONDIZIONI PER ACCEDERE AI BENEFICI

Tutte le seguenti condizioni devono essere soddisfatte:

1) riduzione dei ricavi (art.85, comma 1, lettere a e b, D.P.R. n.917/1986) nel 2020 non inferiore al 30% rispetto ai ricavi 2019.

Per le imprese costituite nel 2019 la riduzione dei ricavi (che deve sempre raggiungere almeno il 30%) comporta il confronto tra: i ricavi registrati nella frazione di 2019 compresa tra la costituzione e iscrizione del registro delle imprese e l’ultimo giorno dell’esercizio; e i ricavi registrati nel corrispondente periodo del 2020 (es. se l’iscrizione nel registro delle imprese è avvenuta il 1° aprile 2019, il confronto avviene tra aprile-dicembre 2019 e aprile-dicembre 2020). I criteri per determinare ricavi e/o compensi sono contenuti nelle istruzioni al modello dell’istanza.

2) peggioramento del risultato economico di esercizio 2020 in misura pari o superiore al 30% rispetto a quello del 2019. Per verificare questo dato si rinvia al provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 4 settembre 2021, in cui sono individuati gli specifici campi delle dichiarazioni dei redditi, che consentono di determinare i risultati economici da porre a confronto (come è avvenuto in occasione di precedenti contributi).

3) regolare costituzione, iscrizione e attività dichiarata presso il registro delle imprese alla data di presentazione della domanda.

4) Sede legale o operativa ubicata in Italia (alla data di presentazione della domanda).

5) l’impresa richiedente (sempre alla data di presentazione della domanda) non deve risultare in liquidazione volontaria, né essere sottoposta a procedure concorsuali con finalità liquidatorie.

6) L’impresa richiedente al momento in cui presenta la domanda deve verificare di non trovarsi già in stato di difficoltà al 31 dicembre 2019, secondo la definizione di cui all’art.2, punto 18 del regolamento (UE) n.651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014. Questa condizione non si applica alle microimprese e alle piccole imprese (per la definizione, cfr. allegato I al citato regolamento UE), a condizione che non abbiano ricevuto aiuti per il salvataggio o la ristrutturazione.

7) L’impresa richiedente non deve essere destinataria di sanzioni interdittive (D.Lgs. n.231/2001, art.9, comma 2, lettera d).

8) L’impresa richiedente non deve trovarsi in altre condizioni previste dalla legge come causa di incapacità a beneficiare di agevolazioni finanziarie pubbliche o comunque a ciò ostative.

Se manca una sola delle condizioni indicate, il contributo non spetta.

LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

I termini, stabiliti con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate dell’8 giugno 2022, sono compresi tra il 9 giugno e il 23 giugno 2022.

La presentazione è telematica e può avvenire anche mediante intermediario abilitato (es. dottore commercialista), con delega al servizio del cassetto fiscale (ovvero con specifica delega alla trasmissione telematica di questa istanza – nel caso, l’intermediario autocertifica di aver ricevuto la delega).

Ogni impresa può presentare una sola istanza, che ha natura di autocertificazione (con gravi conseguenze, anche di natura penale, in caso di falso).

Tra i vari dati, si ricorda che occorre indicare l’IBAN del conto corrente del soggetto richiedente i contributi. Si raccomanda la massima attenzione.

Una particolare procedura, per i controlli antimafia, è prevista per coloro cui spetta un contributo superiore ad € 150.000 (si rinvia al provvedimento dell’Agenzia delle entrate).

IL CONTRIBUTO

Viene erogato sotto forma di accreditamento diretto sul conto corrente bancario o postale indicato dal richiedente nell’istanza (entro i limiti e le condizioni previste dalla sezione 3.1 del Quadro temporaneo degli aiuti COVID-19, ovvero, successivamente al relativo periodo di vigenza, nel rispetto del regolamento de minimis).

Le risorse finanziarie sono limitate, e ripartite come segue:

Settore del wedding: € 40 milioni

Settore dell’intrattenimento, e dell’organizzazione di feste e cerimonie: € 10 milioni

Settore dell’HORECA: € 10 milioni

 Scaduto il termine di presentazione delle istanze, le risorse verranno ripartite tra gli aventi diritto secondo le seguenti modalità:

a) 70% in parti uguali

b) 20% (in via aggiuntiva rispetto all’assegnazione di cui alla lettera a) tra tutte le imprese ammesse, con ricavi registrati e relativi al 2019 superiori a € 100.000

c) 10% (in via aggiuntiva rispetto all’assegnazione di cui alle lettere a e b) tra tutte le imprese ammesse, con ricavi registrati e relativi al 2019 superiori a € 300.000

Il contributo non è tassabile ai fini Irap e delle imposte sui redditi (Ires, Irpef e relative addizionali) e non limita la deducibilità di interessi passivi e spese generali.

L’indebita percezione, oltre alle sanzioni penali ove applicabili, comporta la restituzione, nonché la corresponsione di interessi e sanzioni pecuniarie.

Le imprese dovranno adempiere ai consueti obblighi di pubblicazione degli aiuti ricevuti.

Anzio, 9 giugno 2022

                                                                                                                     

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Prenota una consulenza

Studio Pollastrini dal 1992 offre assistenza e consulenza in ambito tributario, aziendale, societario e del lavoro.